0142 453819 ditta@babando.191.it

a Casale Monferrato

Babando Impianti srl forte della propria esperienza in ogni settore dell’idraulica e relativamente alle nuove energie rinnovabili, ti aiuta ad abbattere le spese energetiche grazie all’energia geotermica .

I professionisti del settore scelti per voi da Babando Impianti srl:

Hoval

Robur

Rehau

La Geotermia è:

L’energia sotto i vostri piedi – Sempre disponibile
Energia geotermica = Energia del futuro
Rendersi indipendenti dal prezzo del gas e del petrolio
Nessuna emissione nell’atmosfera
Nessuna manutenzione
Massima sicurezza
Risparmiare con la geotermia fino all 80% dei costi energetici
L’ energia geotermica è gratuita
Riscaldare e raffreddare 24 ore al giorno 365 giorni all’anno
Applicabile anche con radiatori tradizionali
Detrazione fiscale del 65% della spesa per le ristrutturazioni

La geotermia è il calore della terra, ed è un energia inesauribile e ecologica. I rifornimenti della terra potrebbero coprire il fabbisogno del mondo per 100.000 anni.
In geotermia distingue fra l’utilizzzo diretto e l’utilizzzo mediante la pompa di calore. Per l’utilizzo della geotermia con la pompa di calore è sufficiente una temperatura relativamente bassa (si parla in questi casi di bassa entalpia); la cosa importante è che si puo’ sfruttare una temperatura che rimane praticamente sempre costante.
La pompa di calore
La pompa di calore è paragonabile al frigorifero. Il frigorifero raffredda all’interno ma riscalda all’esterno. Anche i sistemi che lavorano mediante pompa di calore possono riscaldare o raffreddare. In pratica si tratta di un ciclo frigorifero che funzione all’inverso nella funzione riscaldamento.
La pompa di calore aumenta la temperatura mediante compressione del gas di raffreddamento. L’efficienza della pompa dipende dal lavoro che questa deve svolgere, quindi risulta essere più efficiente riscaldare a bassa temperatura per esempio sfruttando un sistema a distribuzione con pannelli radianti (a pavimento, parete o soffitto). Per migliorare l’efficieza il più possibile è anche importante isolare bene l’edificio.

La geotermia è la scienza che studia il calore terrestre. Il calore terrestre nasce nella crosta e nel mantello a causa del decadimento radioattivo di alcuni elementi che li compongono, e successivamente viene trasferito verso la superficie terrestre mediante convezione del magma o di acque profonde. Da qui nascono la maggior parte dei fenomeni come le eruzioni vulcaniche, le sorgenti termali, i geyser, o le fumarole. Questo calore naturale proveniente dal sottosuolo può essere sfruttato per generare energia geotermica.
Il sistema di energia geotermica
Geotermia dal suolo
La temperatura media del terreno a circa 100 mt. di profondità si aggira intorno ai 12°C. La pompa di calore sfrutta questa temperatura e la rende disponibile al sistema di riscaldamento comprimendola e portandola anche fino a 70°C. Durante l’estate questo sistema può venire semplicemente convertito in raffreddamento, con mandate in freddo sino a 8/10°C, che sono di fatto sufficienti per alimentare sistemi di fraffreddamento a ventilconverrori utilizzati per fornire la cosidetta “aria condizionata”. Alternativamente si puo’ distribuire fresco con impianti a pannelli radianti , ottenendo maggiore efficienza e grantendo nell’ambiente una temperatura di circa 8°C inferiore rispetto a quella esterna.
Geotermia dall’acqua sotterranea
Se vi e’ disponibilita’ di acqua sotterranea per la prossimità di falde freatiche o di laghi od altre sorgenti, questa fonte di energia può essere usata nello stesso modo dell’energia del suolo. In questo caso sono di solito necessarie due perforazioni, una per portare l’acqua alla pompa di calore ed una per restituire l’aqua al sottosuolo. Questo sistema sotterraneo basato sull’aqua funziona nello stesso modo del sistema basato sul suolo e garantisce la possibilità di scaldare e rinfrescare durante tutto l’anno, giorno e notte. Questo concetto di energia Vi rende indipendenti dal gas e dal petrolio. E’ una centrale termica nel Vostro stesso terreno.
Geotermia significa calore dalla terra, ossia l’energia termica
Calore della terra
L’ energia geotermica sfrutta la temperatura immagazzinata nel sottosuolo del nostro pianeta che, nella crosta terrestre, aumenta in maniera proporzionale mano a mano che si scende in profondità (gradiente geotermico)
È possibile sfruttare questa energia gratuita presente sotto i nostri piedi, trasportandola in superficie utilizzando come vettore l’acqua contenuta all’interno di sonde geotermiche, che vengono inserite nel terreno a profonditè generalmente variabili tra i 60 e i 120 metri.
Il calore cosÌ ottenuto viene poi integrato con l’ausilio di pompe di calore.
In questi ultimi anni stiamo assistendo ad un vero e proprio boom delle pompe di calore geotermiche che vengono utilizzate per riscaldamento e raffreddamento di abitazioni, ma anche in serricultura, itticultura, balneologia (riscaldamento di terme e piscine), per impianti industriali ed in molti altri settori. Si tratta della cosidetta bassa entalpia.
L’uso di pompe di calore
L’uso di pompe di calore, abbinato a sonde geotermiche, ha trovato applicazione con centinaia di migliaia di unità in molti Paesi del mondo. La diffusione è destinata a diventare sempre maggiore grazie alla crescente sensibilità delle persone verso l’ambiente che va salvaguardato dagli effetti nocivi dell’inquinamento dovuto principalmente all’uso di combustibili fossili.
Un ruolo importante è giocato anche dal continuo aumento dei prezzi dei combustibili tradizionali(petrolio e gas) che rende questa fonte di energia pulita e rinnovabile anche molto conveniente

Si fa un gran palare di energie alternative, ormai da molti anni, ma ancor più in questi ultimi mesi, anche sull’onda emotiva provocata dai ripetuti rincari del prezzo del petrolio e dei suoi derivati. Ma le alternative sono davvero così tante? Il terreno, per esempio, contiene una inesauribile sorgente di calore. I sistemi di riscaldamento e raffreddamento con pompe di calore geotermiche sfruttano il fatto che la temperatura del terreno, già a pochi metri di profondità, si mantiene grossomodo costante durante l’arco dell’anno. La costanza della temperatura del suolo comporta un duplice benefico effetto: durante l’inverno il terreno si trova a temperature relativamente più calde dell’aria esterna; durante l’estate la temperatura è più bassa di quella dell’aria.
L’ Energia geotermica (Geotermia) offre questi vantaggi caratteristici ed unici: rende indipendenti dal prezzo del petrolio e del gas; è ecologica dal punto di vista dell’inquinamento, poichè non ci sono installazioni visibili all’esterno. Non necessita di manutenzione. Con la energia geotermica  si può fornire riscaldamento, acqua calda sanitaria e raffreddamento 24 ore al giorno, 365 giorni all’anno. Grazie alle pompe di calore ed agli impianti Oberthal è sfruttabile anche per ristrutturazioni e impianti di riscaldamento con termosifoni tradizionali. I campi di applicazione sono molteplici: abitazioni, impianti industriali, magazzini, serre, scuole, hotel, uffici, palestre, piscine, marciapiedi senza ghiaccio, terreni sportivi in erba etc. La temperatura media del terreno a circa 100 mt di profondità si aggira intorno ai 12°C. La pompa di calore sfrutta questa temperatura a la rende disponibile al sistema di riscaldamento, comprimendola e portandola sino a 35°C nel caso di sistema di distribuzione interno a bassa temperatura e a 70°C nel caso di presenza di un impianto a caloriferi tradizionale. Durante l’estate questo processo può venire semplicemente convertito in raffreddamento, garantendo una differenza di 8°/10°C rispetto alla temperatura esterna, quindi comfort 24 ore su 24 per 365 giorni all’anno. Le pompe di calore funzionano con energia elettrica, ma grazie alla loro efficienza è possibile trasformare mediamente 1kW di energia elettrica in 4,5 kW di energia termica. Un impianto geotermico generalmente si ammortizza in 5 anni dopo i quali con una minima spesa in termini di elettricità sarà possibile avere riscaldamento, raffreddamento e aqua calda in ogni momento.

Terra, aria e acqua. Bastano i semplici elementi e delle pompe di calore per scaldare le case, inquinare meno, risparmiare e spezzare il legame di dipendenza dal petrolio. Impianti di questo tipo stanno conoscendo un vero e proprio boom in Ticino. Nel 2005 più della metà delle domande di costruzione di nuovi edifici contemplava anziché le classiche caldaie a gas o nafta, i sistemi che sfruttano il calore esistente nell’ambiente: sotto terra, nell’aria, nella falda freatica o nei laghi.
Certamente, c’è ancora parecchia strada da fare. Oggi nel Cantone sono 5mila le pompe di calore, di cui 400 geotermiche. Ma i dati confermano che i ticinesi scelgono sempre di più le energie alternative a discapito degli impianti che utilizzano le fonti fossili. Le pompe di calore hanno un basso impatto ambientale. Sfruttano le differenze di temperatura esistenti nell’aria, nell’acqua e nella terra, riuscendo a moltiplicare il calore attraverso un compressore. L’energia geotermica, che proviene soprattutto dalla radioattività naturale delle rocce della crosta terrestre, viene prodotta captando il calore sotto terra e portandolo in superficie. Al di sotto dei 10 metri di profondità – dice Daniel Pahud, responsabile del Laboratorio energia, ecologia ed economia del Dipartimento ambiente, costruzioni e design della Scuola universitaria professionale – la temperatura del sottosuolo rimane costante anche d’inverno grazie al flusso di calore presente in profondità. Per questo motivo l’energia geotermica è disponibile in modo permanente tutto l’anno. Tra i 130 e i 300 metri di profondità, la temperatura oscilla tra i 14° e i 20° in Svizzera (lo stesso succede in Italia, mentre nel Nord Europa il grado di calore è superiore). La stessa viene recuperata attraverso una sonda geotermica, ovvero uno scambiatore di calore, installato verticalmente, che richiede poca manutenzione e dura 50-100 anni. Il terreno viene, difatti, perforato per un diametro di 10-18 centimetri a pochi metri dall’edificio da riscaldare. Vengono inseriti dei tubi a U, al cui interno circola un fluido termovettore che estrae il calore dal terreno – afferma Pahud -. Grazie a una pompa di calore che sfrutta l’energia elettrica è possibile accrescere la temperatura, portandola a 40°, e riscaldare un intero edificio. Scendendo nei dettagli tecnici, l’impianto, che funziona in base al secondo principio della termodinamica, dispone di un evaporatore che cattura il calore presente nell’acqua, nell’aria o nel suolo, fa evaporare il liquido refrigerante ecosostenibile, che passa poi nel compressore. Con l’utilizzo di un 25 per cento di energia elettrica, la temperatura sale, confluisce in uno scambiatore e viene ceduta all’acqua che va nei radiatori, nelle serpentine o in altri distributori di calore. Ma qual è il criterio che guida la scelta tra aria, terra e acqua? La pompa ad aria – precisa l’ingegnere progettista Luca Giordano-Bisogno, segretario della sezione ticinese della Società svizzera energia solare – può essere utilizzata se la temperatura non è inferiore a – 5°. Se l’aria è troppo fredda, il rendimento è basso. La pompa di calore ad acqua sfrutta la falda freatica, che non è presente ovunque. Questa, insieme a quella geotermica, comporta dei costi di installazione di circa 11mila franchi in più rispetto alla spesa che si deve sostenere per un impianto a nafta. I maggiori costi però si ammortizzano nel giro di 5-8 anni. Rispetto a una caldaia tradizionale, si risparmia dal 35 per cento al 65 per cento sulla bolletta. E si spende ancora meno se l’edificio è ben isolato. Tra l’altro quasi tutte le aziende elettriche ticinesi hanno previsto delle agevolazioni per chi utilizza le energie alternative, con uno sconto del 10 per cento sulle fatture, oltre a un incentivo in fase di installazione fino a 3mila franchi. Una politica che rientra nella strategia adottata per rispettare i protocolli di Kyoto: entro il 2010 la Confederazione deve ridurre le emissioni di CO2 dell’8 per cento. Quanto alle pompe di calore, l’obiettivo è di installarne 120mila (oggi sono 100mila) nei prossimi quattro anni. La Svizzera ha acquisito una capacità notevole nello sfruttamento termico del sottosuolo – dice Giordano-Bisogno -. Insieme a Finlandia, Islanda, Svezia e Germania, si piazza nel plotone di testa dei Paesi che utilizzano la geotermia: più di 30mila sonde geotermiche verticali, accoppiate a delle pompe di calore elettriche di piccola taglia, sono utilizzate per il riscaldamento di abitazioni.

Un impianto geotermico permette di risparmiare fino all’80% dei costi di esercizio rispetto ad un sistema tradizionale L’ Energia Geotermica offre inoltre questi vantaggi caratteristici ed unici:
Rende indipendenti dal prezzo del petrolio e del gas.
L’ Energia Geotermica è ecologica dal punto di vista dell’inquinamento, poiche’ non emette CO2
L’ Energia Geotermica è ecologica dal punto di vista dell’impatto ambientale poiche’ non ci sono installazioni visibili all’esterno.
L’ Energia Geotermica non necessita di manutenzione
L’impianto geotermico è molto silenzioso
Con gli impianti geotermici  non ci sono pericoli di incendio o di emissioni gassose poiché non si ha a che fare con alcun tipo di combustibile (gas, petrolio o derivati)
La geotermia Fornisce riscaldamento, acqua calda e raffreddamento 24 ore al giorno, 365 giorni all’anno
Grazie alle pompe di calore ed agli impianti geotermici Oberthal e’ sfruttabile anche per ristrutturazioni e impianti di riscaldamento con termosifoni tradizionali
I campi di applicazione sono molteplici : abitazioni, impianti industriali, magazzini, serre, scuole, hotel, uffici, palestre, piscine, marciapiedi senza ghiaccio, terreni sportivi in erba etc.
L’energia geotermica
Il sistema di climatizzazione geotermico (calore della terra) è molto più efficiente dei sistemi tradizionali e fa parte delle fonti di energia rinnovabili come indicato dal – Libro Bianco dell’ Energia per il Futuro “Fonti di Energia Rinnovabili” COM97 dell’ Unione Europea. L’energia geotermica è ampiamente sfruttata negli Stati Uniti e in Canada oltre che in molti Paesi dell’ Unione Europea, soprattutto Svizzera, Germania, Svezia, ma anche Spagna, Francia, Irlanda, Russia. Il terreno contiene una inesauribile sorgente di calore I sistemi di riscaldamento e raffreddamento con pompe di calore geotermiche Oberthal Energy sfruttano il fatto che la temperatura del terreno, già a pochi metri di profondità, si mantiene grossomodo costante durante l’arco dell’anno: è, questa, una caratteristica comune a qualsiasi località del Pianeta, fortemente correlata all’azione della radiazione solare sulla crosta terrestre, che la trattiene e immagazzina sotto forma di energia pulita e rinnovabile . La costanza della temperatura del suolo comporta un duplice benefico effetto: durante l’inverno il terreno si trova a temperature relativamente più calde dell’aria esterna; durante l’estate la temperatura è più bassa di quella dell’aria.
Paesi che sfruttano maggiormente la geotermia
Tra i Paesi che sfruttano maggiormente la geotermia, spiccano in particolare gli Stati Uniti, con piu’ di 600.000 pompe di calore installate, la Svezia (60.000 unità), la Cina, la Svizzera (16.000 nuovi impianti all’anno!), l’Islanda, la Germania, il Canada, la Norvegia e la Francia.
I vantaggi dell’installazione di una pompa di calore domestica rispetto ad un impianto tradizionale ad olio combustibile o a metano sono di carattere sociale ed economico :
l’ energia geotermica è una fonte di energia pulita e rinnovabile
le sonde geotermiche non inquinano
non è prevista manutenzione
un impianto geotermico dura più di 100 anni
l’ energia geotermica non viene importata
attraverso un corretto utilizzo della geotermia si ha un risparmio fino all’ 80% dei costi di esercizio
è possibile generare riscaldamento e raffreddamento con lo stesso impianto

ENERGIA GEOTERMICA

Il calore della Terra è una fonte di energia naturale che da sempre accompagna la storia del pianeta. Come funziona la geotermia?

La temperatura del suolo aumenta man mano che si scende in profondità, in media ogni 100 metri la temperatura delle rocce cresce di +3° C.

In alcune particolari zone questa caratteristica naturale del pianeta si accentua con temperature nel sottosuolo leggermente più alte della media, ad esempio a causa di fenomeni vulcanici o tettonici. In queste zone calde l’energia può essere facilmente recuperata anche basse profondità tramite la geotermia. I vapori provenienti dalle sorgenti d’acqua nel sottosuolo sono convogliati verso apposite turbine adibite alla produzione di energia elettrica. Il calore sprigionato dai vapori può anche essere riutilizzato per il riscaldamento, le coltivazioni in serra e il termalismo. Le principali applicazioni del vapore naturale proveniente dal sottosuolo sono:

  • la generazione di energia elettrica tramite turbine;
  • il calore geotermico viene incanalato in un sistema di tubature per servire attività locali di teleriscaldamento.

Per alimentare la produzione del vapore acqueo dal sottosuolo e mantenerlo costante (senza sbalzi o picchi) si immette acqua fredda in profondità. In questo modo gli impianti a turbina possono lavorare a pieno regime e produrre calore con continuità. La mini-geotermia si tratta della realizzazione di piccoli impianti condominiali in grado di sfruttare il calore nel sottosuolo per opere di riscaldamento/rinfrescamento degli appartamenti. Questi impianti possono essere realizzati quasi ovunque. Gli impianti geotermici sono accorgimenti tecnici dell’eco-edilizia per trasformare le abitazioni in luoghi caldi in inverno e freschi d’estate senza ricorrere ai tradizionali impianti di riscaldamento o di climatizzazione. Un mini impianto geotermico utilizza sonde nel sottosuolo delle abitazioni per sfruttare il naturale calore del terreno. Come sappiamo già il calore della terra aumenta con la profondità ed è sempre costante in ogni periodo dell’anno. Le sonde sono collegate ad una pompa di calore e al sistema idraulico per estrarre il caldo o il fresco a seconda delle esigenze. Generalmente le sonde arrivano in profondità dai 5 metri fino ai 100 metri nel sottosuolo in base alla dimensione dell’impianto. Poi attraverso un sistema di distribuzione (impianti a pavimento, pannelli radianti, bocchette di ventilazione, ecc…) il calore “a bassa temperatura” o il fresco verrà distribuito all’interno dell’ambiente.

Gli impianti geotermici nell’eco-edilizia sono già realtà in molti paesi europei. Un impianto di riscaldamento o climatizzazione consente forti risparmi sulla bolletta del gas e apporta minore inquinamento ambientale.

L’ammortamento della spesa iniziale

Come tutti gli investimenti nel settore dell’energia rinnovabile richiede un periodo di ammortamento della spesa iniziale molto lungo, in base all’entità stessa dell’impianto. Nel caso dell’impianto di climatizzazione o raffrescamento naturale il tempo di ammortamento della spesa è più breve. L’installazione degli impianti geotermici per il riscaldamento o la climatizzazione si presta in particolar modo nelle nuove costruzioni senza con questo escludere le applicazioni nelle vecchie costruzioni. I vantaggi economici della diffusione degli impianti geotermici sono evidenti:

  • riduce la spesa in bolletta dei proprietari degli immobili
  • riduce l’importazione di petrolio o gas nel nostro paese
  • migliora la qualità dell’aria e dell’ambiente in cui viviamo riducendo l’impatto sulla salute (minore spese sanitarie private, minore spesa pubblica e imposte sanitarie)
  • il minore inquinamento di CO2 si colloca nel rispetto del Protocollo di Kyoto

Questi sono i vantaggi tipici delle risorse rinnovabili. Gli impianti geotermici, insieme a tutti gli altri accorgimenti dell’eco-edilizia, sono una risposta concreta e immediata